MAMME IN VIAGGIO: weekend al Grand Hotel Fasano

Il weekend al Lago di Garda, che è coinciso con la festa della mamma, è stato anche l’occasione per uscire dai soliti preconcetti, che da soli non si può.

Al contrario, con la dovuta organizzazione e la struttura giusta, programmando in anticipo le attività che andrete a fare con vostro figlio, è possibile trascorrere un bel tempo assieme anche da soli. La fortuna è dalla vostra parte se poi, come me, avete un bambino particolarmente curioso.

Desideravamo entrambi, già da un po’ di tempo, fare un breve viaggio assieme, distante dalla comfort zone familiare e di conseguenza in Hotel e NON in Puglia.

Quando siamo stati invitati al Grand Hotel Fasano, struttura meravigliosa che ho avuto la fortuna di conoscere lo scorso anno, ho deciso che era giunto il momento di sperimentare.

LEGGI ANCHE: Vacanze da sogno, il Grand Hotel Fasano sul Lago di Garda

Coccole al Grand Hotel Fasano

Il Grand Hotel Fasano è una location sorprendente, situata sulla sponda occidentale del Lago di Garda, a Gardone Riviera.

La nostra prima vacanza a due appare senza dubbio facilitata, tuttavia non c’è scampo dalle tipiche dinamiche di gestione. Inoltre, quello a cui Cristiano ha preso parte è sicuramente un evento fuori dal comune per un bambino della sua età, 6 anni e mezzo.

Come l’anno scorso il Lago di Garda ci accoglie con le nuvole, poco male, a ripagarci ci penseranno il paesaggio, la cucina stellata di Matteo Felter e le degustazioni di vino e olio extravergine di oliva nelle aziende agricole locali. La nostra avventura ha avuto luogo senza dubbio in un contesto affascinante.

La visita alle aziende agricole, due per l’esattezza, comincia da COSTARIPA, cantina che dal 1936 investe le proprie energie alla viticultura di collina e alla vendemmia manuale. Il Groppello Gentile è la produzione più rappresentativa, varietà perfetta per queste zone i cui terreni non presentano ristagni di acqua e sono caratterizzati da una buona esposizione.

4 uve principali, che sono quelle tradizionali del Garda, Groppello, Marzemino, Sangiovese e Barbera. Il Rosè protagonista assoluto, vini di grande qualità ottenuti mediante tecniche raffinate.

Visitiamo il cuore di COSTARIPA, la cantina, il profumo del mosto e l’umidità tipica di questi ambienti sono impregnati di ricordi e mi riportano immediatamente all’infanzia. Mi sorprende sempre questo forte legame tra cibo (vino in questo caso) e memoria.

Insieme, un po’ bambina io e bambino lui, degustiamo.

Proseguiamo con COMINCIOLI, a Puegnano del Garda, un’azienda a conduzione familiare composta da viticoltori e olivicoltori da ben 14 generazioni. Anche qui si coltivano viti a bacca rossa di Groppello e i sopraccitati Sangiovese, Marzemino e Barbera, ma anche vitigni a bacca bianca come il Trebbiano Valtenesi e l’Erbamat.

Degustazione di vino e panel test sull’olio di oliva con un giovanissimo partecipante, Cristiano.

Mi soffermo sull’olio, alimento al quale sono particolarmente legata per le mie origini pugliesi. L’olio per me è un vero e proprio affare di famiglia.

Da Comincioli ne troviamo quattro tipologie diverse ottenute esclusivamente dalla polpa delle olive. I noccioli infatti vengono eliminati, senza mai esser rotti, poiché contengono enzimi e tannini che compromettono sia la capacità di durata nel tempo che il contenuto in polifenoli dell’olio extravergine di oliva.

Il sapore è delicato in un caso e fruttato nell’altro, oppure avvolgente e intenso, tutti hanno in comune il tipico sentore di amaro e piccante, più o meno deciso a seconda.

Prima di rientrare al Grand Hotel Fasano ci attende pane, olio e pomodoro, nonché una degustazione di vino e formaggi.

Chi si lascerebbe sfuggire una merenda così?

La cucina di Matteo Felter, facciamo un passo indietro, ci aveva già accolti all’arrivo. Mi colpisce per i colori, sapidità e delicatezza al tempo stesso.

Un esempio su tutti il filetto di trota, in guazzetto di campo con i suoi gnocchi e caviale, i cui sapori sono bilanciati alla perfezione. Ma è ottimo anche il fiocco di vitello su fondo di whisky torbato Laphoig e salsa rubra.

A cena, nel prestigioso ristorante il Fagiano, vado a nozze con i ravioli ripieni di fagiano e tartufo nero della Valtenesi.

LEGGI ANCHE: Acqua e farina è il progetto di Foodiary sulla pasta fresca

LEGGI ANCHE: La ricetta dei ravioli rosa con radicchio, ricotta e speck

Questa volta ho rinunciato al dopocena e ai cocktail di Rama Redzepi, a malincuore, si è fatto tardi e com’è giusto che sia, per qualcuno è giunta l’ora di andare a nanna.

Coccolati, dal cibo e dalla meravigliosa atmosfera, dal paesaggio che ci circonda, nonostante il mal tempo, non importa la pioggia.

Ci addormentiamo sognando almeno altri 100 weekend, mamma e figlio, belli come questo.

 

GRAND HOTEL FASANO
Corso Zanardelli, 190
25083 Gardone Riviera BS
Tel 0365.290220

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *